Accéder directement au contenu Accéder directement à la navigation
Article dans une revue

Stabilire un’immagine di eccellenza. La costruzione di un modello monastico buddhista per monache nella Cina contemporanea

Résumé : In generale, la nozione di “modello” può riferirsi a una persona, cosa, o organizzazione che perfeziona una o più caratteristiche in uno o più campi, e anche alla capacità di questa persona, cosa, o organizzazione di costruire un modello riproducibile secondo queste caratteristiche. Quindi designa il carattere di ciò che è esemplare, di ciò che può essere imitato. Nel contesto più specifico del buddismo monastico nella Cina contemporanea, la questione del “modello” influenza le strategie adottate dai templi per presentarsi al mondo, e il loro posizionamento all'interno di un sistema normativo definito sia dal religioso, sia dalla politica. Quest'ambiente spinge un tempio buddhista “modello” a propagare i valori definiti come specifici alla società cinese contemporanea, e a incarnarli in conformità con le aspettative delle istituzioni. Inoltre lo spinge a sviluppare una competenza in uno o più campi, permettendogli di raggiungere una posizione dominante e il riconoscimento dei suoi pari. Sono proprio questi diversi elementi che permettono di identificare come “modello”, tra i templi pubblici del buddismo cinese, il tempio delle monache Pushou (普寿寺) situato sul monte Wutai (五台山) nella Cina continentale. Restaurato e riabilitato dalle monache nel 1991, questo tempio è relativamente recente e ospita oggi la più grande comunità femminile del paese, che può raggiungere fino a 800 residenti durante il ritiro estivo (anju 安居), un periodo di alcuni mesi dedicato all'isolamento e agli studi. L'Istituto cinese delle monache del monte Wutai (Zhongguo Wutaishan nizhong foxueyuan 中国五台山尼众佛学院), aperto dal tempio nel 1992, è diventato in tre decenni una delle principali istituzioni educative moderne per le monache. Ricevendo il sostegno sia finanziario che simbolico dal governo cinese, il tempio e l'Istituto quindi promuovono un modello che si basa in primo luogo sul rispetto della struttura istituzionale, una struttura che regola i movimenti della religione, dei suoi specialisti e dell'educazione monastica. D'altra parte, il tempio si posiziona anche come “modello di disciplina”, specializzando principalmente nello studio e nell'implementazione del Vinaya (jielü 戒律), il corpus dei testi disciplinari che governano la vita monastica buddista. La sua competenza è riconosciuta e mantenuta con attenzione, e gli vale la designazione di “centro di Vinaya” o “istituzione centrata sul Vinaya” (Chiu 2017, 155). Questi oggi consentono al tempio Pushou di legittimare la sua esistenza agli occhi delle istituzioni, dell'intera comunità monastica e dei buddisti laici. Sulla base della mia ricerca di dottorato e del lavoro etnografico effettuato dal 2015 sul tempio Pushou, quest'articolo vuole esporre gli elementi che conferiscono un carattere esemplare a questo tempio specifico, cercando di capire attraverso questo caso emplematico come si costruisce un modello religioso che si conforma alla tradizione, la rinnova, risponde alle esigenze della politica, e combina questi diversi aspetti in un processo di adattamento dinamico. Il tempio Pushou poi fornisce un modello funzionale, sia per l’intero saṅgha sia, in particolare, per le monache della Cina di oggi.
Liste complète des métadonnées

https://hal.archives-ouvertes.fr/hal-03233351
Contributeur : Amandine Peronnet <>
Soumis le : lundi 24 mai 2021 - 15:59:12
Dernière modification le : vendredi 11 juin 2021 - 03:22:06

Fichier

Péronnet-Stabilire-unimmagine...
Fichiers produits par l'(les) auteur(s)

Identifiants

  • HAL Id : hal-03233351, version 1

Citation

Amandine Peronnet. Stabilire un’immagine di eccellenza. La costruzione di un modello monastico buddhista per monache nella Cina contemporanea. Sinosfere, 2021. ⟨hal-03233351⟩

Partager

Métriques

Consultations de la notice

10

Téléchargements de fichiers

3